Quella nuova vita da experience teller. Grazie a una chopper bike 

di Roberta Pasero

Cherchez la femme? No. Cherchez le vélo. Cercate la bicicletta. Una Sun of the beach, un tipo da spiaggia, nera con dettagli color cuoio, manubrio da Easy rider e istinto ribelle. Se la intercettate sul lungo Tevere o nel centro storico di Roma inutile chiedersi “Lui chi é?”. Perché siete certi che in sella a questa chopper bike c’è Francesco Fontana Giusti. Chi si occupa di motori sa chi è: un fantasista della comunicazione. Un instancabile detective delle emozioni. Uno che in oltre vent’anni nel mondo automotive ha trasformato con stile inconfondibile, con test drive experience e claim ad effetti speciali, automobili di ordinaria personalità in emozioni a quattro ruote.

“Ho sempre creduto in una comunicazione automotive lifestyle. Una comunicazione obliqua che non parli di vetture termiche o elettriche come pezzi di metallo, motorizzazioni, autonomia della batteria, tempi di ricarica, ma che si allarghi a cerchi concentrici ad altri mondi, all’arte, la moda, l’architettura, il viaggio, le emozioni, per raccontare non una nuova automobile ma una brand experience. Non soltanto la mobilità, ma uno stile di vita. Non il mondo di oggi, ma un futuro da immaginare e costruire”, spiega Fontana Giusti. “Tesla, per esempio, è diventato un global brand perché Elon Musk con la sua visione illuminata ci ha raccontato il viaggio su Marte. È andato oltre le automobili, a beneficio del marchio, perché poi di una comunicazione così trasversale che si fa ricordare ne beneficiano a cascata tutti i prodotti e, come in questo caso, le auto che appartengono a quel brand”.

 

Anche per inseguire questa sua idea futuribile della comunicazione, quando qualche mese fa è uscito dal tourbillon aziendale, si è lanciato in una nuova avventura, creandosi un’altra identità professionale taylor made, molto più intrigante e visionaria: quella di experience teller. Attorno ha costruito tutto un mondo social rivoluzionandone il linguaggio, come ha sempre fatto con la comunicazione: un sito fuori dall’ordinario, www.experienceteller.it, e l’ inedito e caleidoscopico calembour-blog del venerdì, il FRAday, che di settimana in settimana forma un puzzle a incastro tra pensieri di carta e dialoghi con l’arte, tra riflessioni analogiche e deserti specchiati nelle stelle, tra oggetti di design ribelli e vagabondi e think greenimal. Un puzzle in progress che con il portfolio dei suoi scatti e videotelling crea link emozionali con una community sempre più ampia, anche su Facebook, Instagram, LinkedIn, Twitter, You tube.

“Il restart per la mobilità deve iniziare proprio dal Think Greenimal, un pensiero che racchiude due mondi e due filosofie complementari, il Green e il Minimalismo, una doppia direzione per il futuro tra sostenibilità ambientale ed estetica dell’essenziale, dove l’uomo dev’essere sempre al centro di un viaggio che va oltre l’immaginazione”, riflette Francesco Fontana Giusti,  comunicatore globetrotter da sempre. “In particolare, per rilanciare il mondo automotive in crisi d’identità, si dovrebbe umanizzare la comunicazione facendo parlare, per esempio, chi sceglie elettrico dei limiti che incontra, ma anche dei piaceri che prova a guidare nel silenzio, e abbinare questi piaceri ad altre esperienze che creino link emotivi tra clienti e marchi automobilistici. Inoltre, la mobilità andrebbe raccontata senza confini di mezzi di trasporto, facendo incontrare chi va a piedi, chi in auto, chi in bicicletta, chi in moto, chi in monopattino, insomma  tutti i protagonisti della mobilità contemporanea, per raffrontare le loro esperienze e le loro necessità e arrivare così a un comune denominatore”.

 

L’obiettivo per Fontana Giusti è raccontare storie di uomini e non di prodotto, storie di cuore e di scoperte e non solo di numeri e di pensiero. “Storie nelle quali le persone che leggono possano ritrovarsi. Perché in questa società molte volte la gente ha paura di mostrare se stessa e il proprio lato fragile: un errore perché non è nascondendosi che si diventa più forti”, riflette. “La felicità di ogni uomo è essere creativo, è mostrare quello che si è capaci di fare, e quindi molti hanno bisogno di sentirsi raccontare le storie, anche di automobili, per identificarsi e riconoscersi e far volare finalmente la propria immaginazione”.

Una comunicazione che punti su un nuovo umanesimo e anche su una messa a fuoco delle proprie passioni che per Fontana Giusti è ripartita quando finalmente è uscito dai binari della routine professionale. E se è vero che ognuno di noi ha un oggetto che simbolicamente lo identifica, un po’ come la boule de neige per Orson Welles in Quarto potere, per Francesco Fontana Giusti sono le 2 ruote di una bicicletta. Due ali della libertà. La sua rinascita anche professionale come experience teller, la sua nuova visione creativa del mondo è iniziata proprio da una chopper bike. “The medium is the message”, affermava il sociologo Marshall McLuhan. È il mezzo stesso di comunicazione il messaggio. Che nel caso di Fontana Giusti è pure un mezzo di mobilità. 

Archivio Articoli