Mobilità e consumi petroliferi: superati i volumi pre-pandemici

Mobilità e consumi petroliferi: superati i volumi pre-pandemici

A febbraio – si legge nella nota di UNEM – i consumi petroliferi italiani complessivamente sono aumentati dell’1,2% (+51.000  tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2023 nonostante l’azzeramento degli impieghi di  olio combustibile nella termoelettrica (con oltre 100.000 tonnellate in meno). Crescono del  2,4% le vendite totali al mercato (+90.000 tonnellate), ossia al netto dei consumi totali  connessi alle attività industriali di raffinazione, grazie al contributo positivo di tutti i  carburanti (benzina, gasolio, jet fuel e gpl) impiegati nei trasporti (stradale, marittimo e  aereo), favoriti anche da un giorno in più nel calendario (anno bisestile). Se il confronto si fa rispetto al periodo pre-pandemico, la benzina evidenzia un progresso di oltre il 18%, il gasolio intorno all’1%, mentre il jet fuel conferma volumi analoghi.

 

Nono mese consecutivo positivo per bitume e lubrificanti, in ripresa anche la carica  petrolchimica e i consumi di raffineria. Quanto alla dinamica dei prezzi al consumo – fa sapere sempre UNEM – in media la benzina a febbraio è stata pari a  1,84 euro/litro, circa 6 centesimi in più rispetto al mese precedente, mentre il gasolio a 1,80, 7 centesimi in incremento. Si tratta dei prezzi che risentono degli aumenti internazionali del  barile di petrolio, tornato a febbraio vicino agli 83 dollari, e dei prodotti raffinati che hanno  ripreso a crescere con una certa costanza in reazione alle tensioni geopolitiche. A livello di  prezzo industriale (al netto delle tasse), sia la benzina che il gasolio sono risultati comunque  inferiori di 3 centesimi rispetto alla media dell’area euro.

 

Nel primo bimestre 2024 – conclude la nota di UNEM – in base ai primi dati provvisori, i consumi totali sono cresciuti del 2,6% rispetto allo stesso periodo 2023 grazie in particolare al buon andamento della mobilità  stradale e al ritorno ai livelli storici del trasporto aereo che insieme hanno superato di oltre  430.000 tonnellate i volumi dello stesso periodo dell’anno precedente. I carburanti per autotrazione hanno rilevato un bimestre positivo, con la benzina a 1,2 milioni di tonnellate  (+8,6%, +99.000 tonnellate) e il gasolio motori a circa 3,7 milioni (+5,4% +188.000  tonnellate), grazie al contributo determinante del canale extra-rete (+10,9% +175.000 tonnellate).

Foto di Erik Mclean su Unsplash

Recommended Posts