Mercato Italia: urge correggere le “storture” allo schema incentivi

Elettrico da spingere: credito d'imposta al 50%

di Michele Crisci, presidente di UNRAE

 

Apprezziamo l’attivo interesse che il ministro Adolfo Urso sta dimostrando nei confronti del settore automotive, per questo ci rivolgiamo a lui affinché intervenga perché si possano recuperare i ritardi accumulati sul fronte della transizione energetica e accelerare il processo di decarbonizzazione.


È urgente una rapida convocazione dell’atteso Tavolo Automotive, che garantisca un confronto autentico, e non a posteriori, con tutti gli attori della filiera, non ultima l’UNRAE che rappresenta i 2/3 del mercato domestico e assorbe una quota estremamente considerevole della componentistica italiana.

Si sollecita poi una profonda attenzione alle dinamiche della domanda in relazione alla transizione energetica. E quindi, visto il calo della stessa per la perdurante incertezza sugli incentivi, interventi per correggere le “storture” introdotte nelloschema 2022-24 per gli incentivi all’acquisto di vetture a basse emissioni, con innalzamento dei
tetti di prezzo e inclusione di tutte le persone giuridiche con bonus a importo pieno.

Foto ANGELO CARCONI (NPK)

Recommended Posts