Full electric: parlarne è sinonimo di buon senso

di Massimo Artusi, vicepresidente di Federauto, con delega ai Trucks&Van 

 

Il rinvio del voto del Consiglio europeo sullo stop al 2035 per i motori endotermici (ICE) per auto e veicoli commerciali leggeri è il segno che il buon senso si va facendo strada anche tra le Istituzioni comunitarie, dove trova sempre più spazio la convinzione che legare l’obiettivo della decarbonizzazione alla sola trazione elettrica – dimenticando i carburanti rinnovabili – non è logico sul piano tecnico-ambientale e mette a rischio la sostenibilità sociale ed economica, senza togliere di fatto dalle strade i veicoli più inquinanti (e potenzialmente più pericolosi per l’assenza dei dispositivi di sicurezza già oggi di serie).

La decisione, tuttavia, è soltanto rinviata. Il che vuol dire che nulla è ancora definitivamente deciso e che il pragmatismo che è emerso negli ultimi giorni – per l’apprezzabile impegno del Governo italiano – non ha ancora finito di misurarsi con una posizione ideologica mono-tecnologica che finora sembrava procedere con il vento in poppa. Non è un caso che, proprio a seguito del rinvio deciso dal Consiglio, si è intensificata la comunicazione dei fautori del “full electric”, che – non potendo prendersela con chi deciderà sulla questione su basi più razionali – hanno addebitato la scelta europea al dibattito in corso sul tema, trattandolo alla stregua di un litigio miope e di “retroguardia” che avrebbe ingenerato confusione nei decisori italiani ed europei.

 

Colpisce in queste reazioni la sostanziale assenza, tra le motivazioni a sostegno del “solo elettrico2, di argomentazioni sull’effettiva efficacia degli obiettivi per la decarbonizzazione, l’uso di assiomi tutt’altro che dimostrati e il richiamo a paure e rischi al fine di evitare la discussione e non di approfondire la materia. Il focus viene posto solo su questioni di metodo, ossia che ormai l’industria ha fatto la propria parte, investendo su questa tecnologia e che quindi ora l’Unione Europea e gli Stati membri devono fare la loro, fissando scadenze più “sfidanti” possibili e definendo sostanziosi sostegni pubblici per gli investimenti in infrastrutture per le ricariche e in acquisto dei veicoli elettrici. Magari prevedendo un massiccio piano di investimenti come quello varato negli Usa da John Biden (peraltro tacciato di protezionismo dai produttori europei di automobili, ma anche di quelli giapponesi e sudcoreani).

 

Recommended Posts