Decarbonizzare trasporti e mobilità: portare i veicoli elettrici in corsia di sorpasso

Decarbonizzare trasporti e mobilità: portare i veicoli elettrici in corsia di sorpasso

di Sigrid de Vries, direttore generale di ACEA 

Con l’ambizione di ridurre rapidamente le emissioni di CO2 di auto e furgoni, una transizione massiccia ai veicoli elettrici non è una scelta: è una necessità. Detto questo, limitarsi a fissare obiettivi ambiziosi di elettrificazione senza stabilire condizioni altrettanto ambiziose per attuarli non è una strategia intelligente.

L’Europa deve fare molto di più per portare l’industria dei veicoli elettrici nella corsia di sorpasso. Ciò è ancora più urgente con le elezioni europee alle porte, in cui alcuni sembrano leggere segnali che l’orologio potrebbe tornare indietro. Al contrario, siamo ben oltre la fase in cui si discute del “se”. Si dovrebbe invece porre la massima enfasi sul “come”: decarbonizzare i trasporti e la mobilità in modo tale da raggiungere effettivamente i nostri obiettivi sociali condivisi, raggiungendo al tempo stesso un equilibrio sostenibile e realistico tra interessi economici, ambientali e geopolitici.

Quindi, a che punto siamo?

L’industria automobilistica si è impegnata a investire oltre 250 miliardi di euro nell’elettrificazione entro il 2030, più del PIL di diversi Stati membri messi insieme. Ma la rivoluzione dell’elettromobilità significa molto di più che semplicemente sostituire una tecnologia di trasmissione con un’altra, per quanto profondamente complessa e trasformativa possa essere dal punto di vista industriale. Richiede uno sport di squadra con molti altri che giocano a pallone. Ed è qui che il gioco si fa duro.

Un recente rapporto ACEA sullo stato di avanzamento delle infrastrutture pubbliche di ricarica per i veicoli elettrici in Europa ha rivelato risultati illuminanti. ACEA stima la necessità di 8,8 milioni di punti di ricarica entro il 2030. Ciò significa che per raggiungere l’obiettivo di decarbonizzazione al 2030 dovranno essere installati circa 1,2 milioni di caricabatterie ogni anno – otto volte quanto viene attualmente installato (150.000) ogni anno – e questo in un batter d’occhio in termini di infrastruttura che consente l’approvazione e l’installazione.

Se l’UE è seriamente intenzionata a rendere i veicoli elettrici una realtà pratica per tutti gli europei entro i prossimi cinque anni, la diffusione dei punti di ricarica pubblici deve accelerare notevolmente il ritmo. Molti Paesi, in particolare nell’Europa centrale e orientale, sono drasticamente sottoserviti. Infatti, quasi due terzi dei punti di ricarica dell’UE sono concentrati in soli tre Stati membri che coprono circa il 20% della superficie dell’UE: Paesi Bassi, Francia e Germania. L’altro terzo di tutti i caricabatterie è scarsamente distribuito negli altri 24 membri dell’UE.

La sfida diventa ancora più acuta nel settore della logistica business-to-business, che si basa su un trasporto merci transfrontaliero senza soluzione di continuità. Ad esempio, gli investimenti degli operatori nei camion elettrici per il trasporto a lungo raggio sono fortemente scoraggiati da reti di ricarica insufficienti e inadeguate.

Tuttavia, l’infrastruttura è solo uno degli ingredienti fondamentali nella ricetta per una transizione di successo verso i veicoli elettrici. L’Europa deve inoltre sostenere la propria ambizione con i giusti incentivi per incoraggiare gli europei a passare ai veicoli elettrici. Uno sguardo ai precursori dei veicoli elettrici più veloci fornisce un fugace esempio di ciò che si può ottenere con un mix di politiche intelligenti. Una gamma diversificata di strumenti , che si tratti di crediti d’imposta, riduzioni dell’IVA (compresa sulla ricarica elettrica), tariffe di registrazione più basse, parcheggi e pedaggi più economici, un kit di strumenti politici diversificato può raccogliere vantaggi sostanziali per l’adozione dei veicoli elettrici.

La transizione ai veicoli elettrici è inoltre ostacolata da un mercato interno frammentato per quanto riguarda gli incentivi per i veicoli elettrici. La competenza per stabilire incentivi spetta a ciascuno Stato membro, esacerbando le disparità transfrontaliere e rendendo più difficile raggiungere i paesi più ricchi che possono meglio permettersi la pressione aggiuntiva sui bilanci pubblici. Sebbene fissare obiettivi di decarbonizzazione a livello europeo sia senza dubbio l’approccio giusto, un Continente con oltre 27 programmi non coordinati per i veicoli elettrici ostacolerà la transizione.

Ultimo, ma certamente non meno importante, le infrastrutture e gli incentivi devono essere perfettamente sincronizzati con una più ampia strategia industriale olistica richiesta dai produttori automobilistici europei, che comprenda l’intero ciclo di vita dei veicoli elettrici, dalla ricerca e sviluppo fino al riciclaggio. È un dato di fatto che produrre veicoli elettrici in Europa costa di più rispetto ai modelli con motore a combustione o ai veicoli elettrici importati da regioni con costi di produzione inferiori. Ciò significa che il quadro politico europeo deve svolgere un lavoro migliore nel promuovere una produzione a prezzi accessibili, ad esempio riducendo l’aumento dei costi energetici e di produzione delle batterie, nonché garantendo l’accesso alle materie prime fondamentali per alimentare l’era dei veicoli elettrici.

L’accessibilità economica dei veicoli elettrici è senza dubbio una preoccupazione sia per i produttori di automobili che per i consumatori. Dopotutto, la transizione ai veicoli elettrici deve essere inclusiva e accessibile a tutti gli europei, indipendentemente dalla loro età, dalle loro disponibilità economiche o dalla regione in cui vivono. Il prossimo rapporto della nostra serie di report “Automotive Insights” affronterà a breve proprio questo aspetto: la questione dell’accessibilità economica dei veicoli elettrici.

In sintesi, gli ambiziosi obiettivi dell’Europa di ridurre le emissioni di CO2 dei trasporti stradali sono necessari per rendere la transizione ai veicoli elettrici una realtà. Tuttavia, una transizione di successo ai veicoli elettrici richiede ugualmente infrastrutture diffuse, un solido supporto alla domanda di mercato e condizioni di produzione competitive e convenienti in Europa per soddisfare le strategie più unificate di Stati Uniti e Cina, basate su un quadro politico europeo più intelligente e meglio coordinato. Agli obiettivi politici ambiziosi devono corrispondere azioni altrettanto coraggiose per l’attuazione.

Foto fornita da uff stampa ACEA

Recommended Posts