Concessionari di auto: cambia il modello d’impresa

Auto elettriche: perché insistere se il mercato non le vuole?

di Pier Luigi del Viscovo, direttore del Centro studi Fleet & Mobility

 

Le concessionarie di auto italiane potrebbero essere forzate a un radicale cambiamento del modello d’impresa, nei prossimi anni, a seguito del nuovo contratto di agenzia, che sostituisce quello della concessione, e della vendita online da parte delle Case.


Secondo una recente indagine, il cliente opterà per quella concessionaria (che nel frattempo non sarà più tale) che offrirà la miglior qualità e convenienza sui servizi accessori alla vendita, da quelli finanziari all’assicurazione, dall’assistenza al supporto alla mobilità. 

 

I servizi finanziari già oggi rappresentano una fonte importantissima di ricavi e di margini e dobbiamo aspettarci che assumano una centralità ancora maggiore. Le aziende che già operano dentro e al fianco delle concessionarie, a cominciare proprio dalle finanziarie, dovranno accompagnare questa transizione non facile, offrendo soluzioni agili e appetibili per il cliente ma anche aiutando la conversione culturale delle strutture, che già adesso si prospetta la sfida più difficile.


Tutto ciò non succederà in un giorno né in un anno, ma la lunga marcia parte oggi.

Recommended Posts