Camion e bus: l’UE concorda gli obiettivi più ambiziosi anti CO2

Camion e bus: l’UE concorda gli obiettivi più ambiziosi anti CO2

I produttori di autocarri e autobus sostengono pienamente un ambizioso programma di decarbonizzazione. Tuttavia, il calendario di attuazione concordato rimane estremamente impegnativo in assenza di condizioni abilitanti vitali, ha affermato l’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA).

Prendendo atto dell’accordo di trilogo, i produttori europei di autocarri e autobus sottolineano che gli obiettivi altamente ambiziosi di riduzione delle emissioni di CO2 concordati devono essere sostenuti da condizioni abilitanti credibili.

“Infrastrutture per la ricarica elettrica e il rifornimento dell’idrogeno, programmi completi di tariffazione del carbonio e misure di sostegno significative affinché gli operatori dei trasporti possano investire rapidamente: questi sono gli ingredienti chiave per decarbonizzare rapidamente il settore dei trasporti pesanti, oltre ai veicoli a emissioni zero”, ha sottolineato Sigrid de Vries, direttore generale dell’ACEA.

“Non possiamo continuare a fissare obiettivi ambiziosi per i produttori di veicoli e aspettarci che ne segua un’implementazione rapida e agevole. Senza un quadro favorevole per sostenere la domanda di modelli a emissioni zero, raggiungere gli obiettivi sarà impossibile, soprattutto con il calendario previsto”, ha spiegato de Vries.

Per raggiungere gli obiettivi entro il 2030, dovranno circolare sulle strade più di 400.000 veicoli elettrici e a idrogeno e almeno un terzo di tutte le nuove immatricolazioni dovranno essere modelli a emissioni zero. L’Europa ha bisogno di almeno 50.000 stazioni di ricarica adeguate (la maggior parte sono sistemi di ricarica da megawatt) e almeno 700 stazioni di rifornimento di idrogeno per far funzionare l’equazione.

La decarbonizzazione dei trasporti pesanti richiede uno sforzo collettivo da parte di una serie diversificata di portatori di interesse in tutto l’ecosistema dei trasporti. “Stiamo facendo la nostra parte investendo e aumentando la produzione in serie di camion e autobus a emissioni zero, ma contiamo sulla capacità dei nostri clienti di investire e utilizzare nuovi veicoli per sostituire i vecchi veicoli attualmente sulle strade europee”, ha aggiunto de Vries.

L’industria automobilistica europea è incoraggiata dall’accordo a fissare una data di revisione completa anticipata (2027) rispetto a quella inizialmente proposta dalla Commissione e a continuare gli incentivi per i veicoli a zero e a basse emissioni (ZLEV) fino al 2029.

Guardando al futuro, l’industria automobilistica europea continuerà a monitorare da vicino l’adozione di condizioni abilitanti cruciali per garantire il raggiungimento degli obiettivi. La Commissione Europea e gli Stati membri devono impegnarsi allo stesso modo a monitorare i progressi per garantire che le carenze previste siano affrontate tempestivamente per raggiungere congiuntamente l’obiettivo condiviso di decarbonizzazione.

Foto di Maxim Hopman su Unsplash

 

Recommended Posts