Auto sempre più salate: per tanti l’acquisto sarà un problema

Le automobili costeranno sempre più care e «scordiamoci tra un po’ di pagarle meno di 20mila euro»: parola di Luca De Meo, ad di Renault Group. La conferma, quella del top manager, di quanto sta effettivamente avvenendo nel mercato. Le ragioni dei rincari: elettrificazione, dispositivi di assistenza alla guida, connettività e i nuovi rapporti tra Case madri e concessionari la cui conseguenza, tra le altre, è lo stop agli sconti.

I costruttori, del resto, sono alle prese con investimenti miliardari: da qui il rialzo dei prezzi che lo scorso anno è già stato intorno al 10%. Se guardiamo alle macchine compatte elettriche ed elettrificate si arriva anche al 30%. In questo contesto ci sono le Case automobilistiche che vogliono passare, rispetto alla rete commerciale, al cosiddetto contratto d’agenzia. In pratica, viene imposto al concessionario di seguire regole precise sulle vendite e ciò comporta il prezzo di listino fisso. Addio, quindi, a quel 5% di sconto medio che si faceva al cliente.

Visto come sta evolvendo il mercato, a questo punto sarà sempre più difficile per i ceti meno agiati programmare l’acquisto di un nuovo veicolo nonostante gli incentivi, tra l’altro già esauriti per le vetture più convenienti, quelle con motore endotermico. Da qui la prospettiva di un rallentamento del processo di svecchiamento del parco circolante.

Archivio Articoli