Altroconsumo: sui seggiolini per bimbi non si scherza

Un elemento fondamentale durante i brevi o lunghi tragitti in auto sono i seggiolini per i bambini – obbligatori per legge secondo l’art. 172 del Codice della strada – da non confondere con le alzatine prive di schienale, perché potrebbero essere non sufficientemente sicure in caso di incidenti stradali. Al fine di informare i consumatori sulla sicurezza di questi prodotti, Altroconsumo ha testato 165 seggiolini auto – selezionandone 27 destinati ai bambini più grandi – facenti parte del gruppo 2/3 o iSize 100-150 adatti per bambini dai 15 kg e di circa un metro di altezza.

 

Rispetto ai procedimenti nei test che verificano i requisiti minimi di legge necessari per l’omologazione dei seggiolini, quelli dell’inchiesta di Altroconsumo sono stati messi a dura prova, con velocità e decelerazioni più severe. Infatti, ogni prodotto è stato sottoposto a un crash test frontale a 64 km/h (la norma di omologazione prevede 50 km/h) e a un crash test laterale a 50 km/h (non previsto dalla ECE-R44 e introdotto dalla più recente ECE-R129).

 

I test sono stati ripetuti più volte e con il sedile installato in tutte le configurazioni previste(Isofix, cinture, contro il senso di marcia, nel senso di marcia e con manichini di diverse dimensioni), utilizzando manichini più moderni e realistici caratterizzati da sensori migliori, al fine di valutare l’impatto sulle aree più vulnerabili del corpo e i rischi di lesione.

 

In cima alla classifica per qualità, si trova il seggiolino Cybex Solution M-Fix SL giudicato come migliore del test. Si contendono invece il bollino di miglior acquisto in base al rapporto qualità/prezzo, Joie i-Trillo, Graco EverSure i-Size e CBX YARI, non classificati tra i primi posti, ma ugualmente efficaci. In ogni caso, perché il prodotto svolga la sua funzione e protegga in maniera impeccabile deve essere posizionato correttamente in auto.

Archivio Articoli