ACEA e il Manifesto #FutureDrive: ora azioni concrete

Decarbonizzare trasporti e mobilità: portare i veicoli elettrici in corsia di sorpasso

di Sigrid de Vries, direttore generale di ACEA

La competitività dell’Europa si trova in un momento cruciale. Una serie di incontri ad alto livello nel mese di aprile mostra risultati promettenti, ma dobbiamo mantenere lo slancio. Il Manifesto #FutureDriven di ACEA e gli impegni con i massimi leader europei sottolineano l’importanza di un lavoro di squadra collaborativo.

Che mese è stato per l’industria automobilistica europea, forte dello slancio derivante da una serie di incontri e relazioni di alto livello che hanno messo la forza industriale dell’Europa in cima all’agenda. Ma poiché la consapevolezza del calo della competitività europea si ripercuote in tutte le sale decisionali europee, dobbiamo cogliere il frutto quando è maturo per evitare di perdere slancio.

Il “Summit automobilistico” ospitato dal commissario per il Clima, Wopke Hoekstra, è stato il primo di questo genere in quelle che speriamo saranno le edizioni successive. L’incontro con Charles Michel è avvenuto poco prima di un Consiglio europeo rivoluzionario con un “accordo sulla competitività dell’UE” in cima all’ordine del giorno. Rappresentando l’intero spettro dei nostri membri, compresi i produttori di veicoli leggeri e di autocarri e autobus, ACEA ha prestato orecchio a molte delle preoccupazioni sollevate nel nostro Manifesto #FutureDriven .

Il messaggio che l’Europa non può più dare per scontata la propria competitività industriale sta cominciando a guadagnare terreno e vi è un crescente riconoscimento del fatto che le placche tettoniche geopolitiche si sono spostate drasticamente da quando il Green Deal è stato introdotto per la prima volta all’inizio dell’attuale mandato dell’UE. I massimi leader europei sembrano dimostrare una rinnovata volontà politica di salvaguardare e migliorare la competitività europea. Le tanto attese riunioni del Consiglio europeo di aprile hanno prodotto una serie di segnali positivi che l’industria europea chiedeva da tempo. Che si tratti delle nostre richieste per una strategia industriale olistica, un quadro normativo coerente, infrastrutture vitali per la transizione verde e digitale e un commercio libero ed equo su un piano di parità, le raccomandazioni del nostro Manifesto trovano tutte eco nelle conclusioni del Consiglio.

I recenti impegni ad alto livello hanno coinciso anche con il lancio del Manifesto #FutureDriven di ACEA per camion e autobus a emissioni zero, in grado di rispondere alle sfide e alle esigenze specifiche del mercato europeo dei camion e degli autobus, pubblicato lo stesso giorno in cui l’UE ha firmato il piano più ambizioso del mondo Obiettivi di riduzione della CO2 per camion e autobus. A complemento del  manifesto #FutureDriven per tutti i segmenti di veicoli lanciato nel novembre dello scorso anno, delinea raccomandazioni politiche per questo distinto mercato business-to-business.

Concentrandosi sull’enorme sforzo di squadra necessario per trasformare gli obiettivi sulla carta in realtà di attuazione, il manifesto di autobus e camion richiede un’azione ambiziosa per garantire che siano soddisfatte le condizioni essenziali. Che si tratti di infrastrutture o di piani di fissazione del prezzo del carbonio, le politiche intelligenti sono essenziali per superare i colli di bottiglia della domanda e raggiungere obiettivi di decarbonizzazione condivisi.

Anche il tanto atteso rapporto Letta, al quale ACEA ha fornito input, è stato pubblicato, indicando ancora una volta un crescente riconoscimento delle sfide senza precedenti affrontate dalle industrie europee. Letta si è soffermato sul complesso quadro normativo dell’UE e ha attirato l’attenzione sulla preoccupante tendenza degli investimenti in uscita dall’UE. Con una concorrenza mai vista prima da parte di Stati Uniti e Cina, il mercato unico rimane un faro di potenziale non sfruttato che può aprire le porte a industrie vitali come la nostra. In effetti, il mercato unico dell’UE è stato una pietra angolare del nostro successo globale, aiutandoci a creare un’industria più resiliente con una presenza internazionale.

Nella relazione dell’onorevole Letta vi sono notevoli riferimenti all’industria automobilistica che mettono in luce le principali preoccupazioni da noi sollevate laddove il mercato unico apre nuove strade per la nostra industria. In effetti, il settore dei trasporti è stato individuato come un ottimo esempio di come una più profonda integrazione europea sia fondamentale per sfruttare appieno il potenziale del mercato unico. Ad esempio, è stata prestata la dovuta attenzione alla sfida colossale di affrontare le infrastrutture insufficienti e inadeguate per i veicoli elettrici, di particolare importanza per il trasporto stradale transfrontaliero di merci e persone. Una menzione degna di nota nel rapporto è stata la quasi totale assenza di infrastrutture di ricarica e stazioni di rifornimento di idrogeno per i veicoli pesanti, una questione sollevata anche nel nostro Manifesto di camion e autobus . Ciò che è chiaro è che l’industria, i fornitori di energia, gli operatori di rete e i policy maker devono ora intensificare la collaborazione per aumentare la diffusione delle infrastrutture paneuropee, una questione affrontata anche nel primo di una serie di nuovi rapporti ACEA .

Lo slancio verso una politica industriale europea sta diventando palpabile. Mentre la competitività dell’Europa è in bilico, i recenti impegni ad alto livello hanno suscitato ottimismo. Il Manifesto #FutureDriven di ACEA e gli sforzi di collaborazione con i leader europei significano un nuovo vento nelle vele. Ma non dobbiamo accontentarci, la posta in gioco è troppo alta. L’industria automobilistica europea non è solo una delle più longeve, ma è anche una delle più competitive a livello globale, garantendo innumerevoli posti di lavoro in Europa, investendo sostanzialmente in Europa e diventando parte integrante del nostro stile di vita europeo. Ma non bisogna sbagliarsi: un accordo industriale europeo non significa rinunciare alle nostre aspirazioni del Green Deal, ma ci consentirà di raggiungere più rapidamente i nostri obiettivi condivisi, mantenendo le industrie strategiche in Europa. Siamo pronti ad alimentare questa transizione, ma insieme sfruttiamo lo slancio e passiamo dalle parole ai fatti.

Foto fornita da uff stampa ACEA

 

Recommended Posts