Lamborghini Huracàn: il mitico V10 celebrato come una star

di Pierluigi Bonora

Il più bel regalo che Automobili Lamborghini potesse fare a chi, come il sottoscritto, ama sentire gli effetti sonori di un grande motore, è stato quello di guidare per l’ultima volta (delle pochissime, sia ben inteso) il V10 da 640 cavalli della Huracàn. Un addio speciale a questo V10, che ha coinvolto giornalisti da diversi Paesi che, al di là di aver guidato per 600 chilometri queste Huracàn, hanno avuto modo di apprezzare i paesaggi collinari dell’Emilia e della Toscana, i tratti appenninici e le loro curve, nonché assistere a una breve lezione su come nasce e si riconosce il vero olio di oliva.

 

Dulcis in fundo, la cena celebrativa nel magnifico scenario di Villa Alpebella, a Forte dei Marmi, residenza estiva di Andrea Bocelli. Il Maestro e tenore con i suoi acuti, Lamborghini e la tradizione motoristica italiana: cosa chiedere di più? Al nostro microfono, a conclusione dell’evento, ecco Tim Bravo, direttore della comunicazione di Automobili Lamborghini

 

Mini e School of Sustainability: il progetto “Inhabit Sound”

di Luca Talotta

Mini, Casa automobilistica del gruppo Bmw, ha presentato ufficialmente il suo progetto “Inhabit Sound,” sviluppato in collaborazione con la School of Sustainability, durante l’anno accademico 2022/2023. La prestigiosa location dell’ADI Design Museum di Milano è stata scelta per l’evento di presentazione.

MINI e l’innovazione del Sound Design

Il progetto “Inhabit Sound” è stato concepito e realizzato da Mini con la supervisione di Renzo Vitale, Sound Creative Director del BMW Group, e con il contributo dei giovani talenti internazionali della SOS – School of Sustainability. Il focus principale è stato la ricerca nel campo del sound design con l’obiettivo di creare uno spazio sostenibile dedicato all’ascolto, alla contemplazione e alla condivisione. Questo spazio si propone di trasformare il suono in una forma tangibile e abitabile, consentendo di apprezzare il dialogo unico tra silenzio e suono.

L’impegno per la sostenibilità urbana

La collaborazione tra Mini e la School of Sustainability evidenzia l’importante impegno dell’azienda nel campo del design e della progettazione, con particolare enfasi sulla promozione della sostenibilità urbana. Mario Cucinella, fondatore e presidente della School Of Sustainability, sottolinea: “La School of Sustainability nasce per rispondere alla crescente richiesta di conoscenza da parte dei giovani desiderosi di apprendere. Si tratta di giovani di 25-26 anni che, in futuro, dovranno affrontare sfide specifiche. Grazie alla collaborazione con Mini, cerchiamo di costruire i leader di domani.”

Renzo Vitale, Sound Creative Director del Bmw Group, aggiunge: “Il tema della sostenibilità è strettamente legato al benessere del pianeta e delle persone. Ci siamo posti la domanda su come integrare questi due mondi. Il sound design è cruciale per i suoni sia all’esterno che all’interno del veicolo, e assume maggiore rilevanza nell’ambito della mobilità elettrica, poiché questi veicoli non emettono suoni all’esterno. Da qui è scaturita l’esigenza, che è stata trasformata in una necessità. Senza dimenticare che MINI è progettata per suscitare emozioni.”

Il progetto “Inhabit Sound” segna un passo significativo nel percorso di entrambe le aziende verso la sostenibilità e l’innovazione nel design, dimostrando come la collaborazione tra il settore automobilistico e l’istruzione possa plasmare il futuro dell’urbanistica e della mobilità.

Auto elettriche: gli incentivi non dovranno essere eterni

di Andrea Cardinali, direttore generale di UNRAE (dall’evento ROM-E)

L’obiettivo è quello della decarbonizzazione, ma non va confuso con quello della qualità dell’aria. A livello planetario il peso dell’Europa è limitato. La tecnologia elettrica è più matura, ma c’è da fare ancora tanto. Le Case auto stanno investendo tanto da anni, e da anni sono oggetto di un sistema sanzionatorio che prevede multe per gli sforamenti delle emissioni. Ho visto cambiare numerosi Governi, quattro anni fa c’era un furore pro elettrico e pro monopattini. Oggi c’è un’aria di controriforma.

 

L’obiettivo di vetture elettrificate nel 2030 dovranno essere 6,6 milioni, ma con i numeri attuali non ci arriveremo mai. Sono stati messi a disposizione 40 milioni di euro per le ricariche private: ce la stiamo prendendo un po’ comoda. Nelle infrastrutture pubbliche abbiamo la posizione numero 15 dal punto di vista della capillarità delle ricariche. E non stiamo utilizzando i fondi disponibili.

 

UNRAE chiede da anni di modificare lo schema incentivi. Chiede di accelerare l’infrastrutturazione. Ma bisogna fare investimenti anche sulle linee elettriche, giа ora c’è il problema dei black-out. Non stiamo spiegando perchè guidare un’elettrica, stiamo caricando tutto sulle spalle dei costruttori.

Ci sono dei quadricicli a prezzi accessibili. Non ci sono più costruttori che lavorano solo per un mercato locale, siamo tutti operatori globali. Il 40% del costo di un’elettrica è la batteria. Il gap che esiste oggi tra EV ed endotermiche è coperto dagli incentivi, che non dovranno essere eterni.

Investimenti sulla formazione: la sfida di Viesse Auto Milano

Davide Mafessoni

Foto: Davide Mafessoni, direttore vendite

Viesse Auto, storica concessionaria di auto milanese, che ha raggiunto standard elevati nel mercato del “second hand” italiano, ha rivelato i propri piani innovativi per affrontare le crescenti sfide nel recruiting e superare la carenza di professionisti qualificati nel settore. 

Marco Visaggi, Ceo dell’azienda, ha condiviso la sua visione strategica, sottolineando l‘importanza di investire intensamente nella formazione e nello sviluppo dei talenti emergenti. “Abbiamo identificato un bisogno urgente di evolvere il nostro approccio al mercato del lavoro”, ha dichiarato Visaggi. “In un’epoca in cui la tecnologia e l’innovazione guidano il cambiamento, è imperativo investire nei giovani talenti, fornendo loro le competenze e le opportunità per crescere rapidamente all’interno della nostra organizzazione”.

Viesse Auto è orgogliosa di essere all’avanguardia nell’adozione di tecnologie avanzate e prassi innovative per migliorare non solo l’esperienza dei clienti, ma anche quella dei suoi dipendenti. L’azienda è profondamente impegnata a sviluppare un ambiente lavorativo inclusivo e dinamico, dove i giovani professionisti siano valorizzati e sostenuti per assumere ruoli di leadership.

“Vogliamo che i nostri dipendenti crescano con noi. La storia di Davide Mafessoni è un esempio lampante di investimento nella formazione per la crescita delle figure interne”, aggiunge Visaggi. “Mafessoni, che ha praticamente iniziato la sua carriera presso Viesse Auto, è ora il direttore vndite, guidando la squadra dei venditori verso nuovi obiettivi di eccellenza contribuendo, a sua volta, alla formazione delle nuove risorse. I giovani, in generale nelle varie aree di competenza aziendale, grazie alla formazione dimostrano di poter velocemente svolgere attività di responsabilità, mostrando capacità organizzative e predisposizione a lavorare senza alcun timore reverenziale verso il custumer e i vari partner aziendali”.

Un impegno rinforzato per la formazione nel settore Automotive, in questo contesto veloce e sempre in evoluzione, Viesse Auto riconosce come la formazione continua sia un pilastro fondamentale per mantenere la leadership e l’eccellenza operativa. Il settore è in continua evoluzione, con nuove tecnologie, come la guida autonoma e i veicoli elettrici, che stanno trasformando radicalmente l’intera industria.

“La formazione non è solo un investimento nei nostri dipendenti, ma è fondamentale per garantire che siamo sempre in prima linea nell’innovazione e in grado di offrire soluzioni all’avanguardia per i nostri clienti”, spiega Visaggi.

Il focus di Viesse Auto sulla formazione è quindi parte integrante della propria missione di affrontare le difficoltà legate al recruiting. L’azienda è determinata a colmare il divario delle competenze, offrendo programmi di formazione su misura e opportunità di crescita rapida, con l’obiettivo di preparare la prossima generazione di leader del settore auto.

L’evoluzione del mercato richiede una forza lavoro preparata e Visaggi sottolinea come l’adattamento rapido alle tendenze emergenti e la capacità di anticipare le esigenze future del mercato siano fondamentali. L’attenzione alla formazione consente a Viesse Auto di assicurarsi che ogni membro del Team sia “equipaggiato” con le competenze necessarie per navigare con successo nel paesaggio dinamico del settore automotive.